RICERCA PRODOTTI : {{query}}

{{errore}}
venerdý 23 dicembre 2022

News - Welfare Enasarco. I contributi per gli iscritti

News - Super Green Pass, quali sono le regole da r

Vediamo da vicino alcune delle assistenze garantite dalla Fondazione

 

CONTRIBUTO PER NASCITA O ADOZIONE
Il contributo Enasarco per nascita o adozione è una prestazione integrativa erogata dalla Fondazione agli iscritti per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022.


Budget
La Fondazione mette a disposizione 800 mila euro per questa prestazione.


A chi spetta
Agli agenti in attività. Se entrambi i genitori sono iscritti alla Fondazione, verrà erogata una sola prestazione.


Requisiti
Alla data dell’evento, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • essere un iscritto in attività, con almeno un rapporto di agenzia attivo;
  • avere un’anzianità contributiva di almeno 4 trimestri (coperti esclusivamente da contributi obbligatori e non inferiori al minimale) anche non consecutivi negli ultimi due anni;
  • essere titolare di un valore ISEE (con attestazione rilasciata da Inps) non superiore a 31.898,91 euro;
  • possedere la sentenza definitiva di adozione emessa dal tribunale competente (solo nei casi di figli adottati).

 

Quanto spetta
750 euro


Domanda

È possibile inviare la richiesta esclusivamente online, attraverso l’area riservata in Enasarco.

Documentazione
Gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  • autocertificazione comprovante la data e il luogo di nascita del figlio;
  • copia del documento di identità valido del richiedente;
  • modello ISEE valido al momento di presentazione della domanda.

N.B.: In caso di adozione, inviare anche la copia della sentenza definitiva di adozione emessa dal tribunale competente.

CONTRIBUTO PER INFORTUNIO, MALATTIA O RICOVERO
Si tratta di una prestazione erogata dalla Fondazione come sostegno straordinario al reddito degli iscritti attivi, in caso di sospensione temporanea dell’attività lavorativa dovuta a infortunio, malattia o ricovero.

Budget
La Fondazione mette a disposizione 1 milione di euro per questa prestazione.


A chi spetta

Agli agenti in attività.

Info utili
È possibile usufruire della prestazione una sola volta, anche nell’ipotesi di più infortuni, malattie o ricoveri. La prestazione non è cumulabile con l’erogazione straordinaria per contagio da Covid-19.

Requisiti
Alla data dell’evento, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • essere un iscritto in attività, con almeno un rapporto di agenzia attivo;
  • avere un’anzianità contributiva di almeno 4 trimestri (coperti esclusivamente da contributi obbligatori e non inferiori al minimale) anche non consecutivi negli ultimi due anni;
  • la temporanea sospensione dell’attività lavorativa deve essere non inferiore a 21 giorni consecutivi (a decorrere dal giorno successivo all’evento);
  • avere un’attestazione di un Pronto Soccorso, Ospedale, Casa di cura, Clinica privata o altre strutture mediche pubbliche fatta espressa esclusione dei certificati rilasciati dal medico di base o da altro professionista anche specialista. Essa dovrà contenere, oltre ai dati generali propri dei certificati medici, la precisa indicazione della prognosi clinica e di quella lavorativa, ovvero la durata dell’incapacità a svolgere la professione, come conseguenza della lesione o della malattia indicata in diagnosi;
  • essere titolare di un reddito annuo lordo per il 2020 (rilevabile dal modello Unico PF2021) non superiore a 40.000 euro.

 

Quanto spetta
1.000 euro, al lordo delle ritenute di legge.

Domanda
È possibile inviare la richiesta esclusivamente online, attraverso l’area riservata inEnasarco.

Documentazione
Gli iscritti dovranno allegare la seguente documentazione:

  • descrizione dell’evento;
  • certificazione medica, con chiara indicazione della prognosi (non è necessaria la cartella clinica completa);
  • copia del modello Unico PF2021 presentato per i redditi percepiti nel 2020 e la ricevuta di trasmissione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate. N.B: Se non sono stati percepiti redditi nel 2020 o se non c’è obbligo di presentare la dichiarazione, deve essere inviata un’autocertificazione completa di documento di identità valido e con l’indicazione dei redditi imponibili IRPEF percepiti nel 2020;
  • dichiarazione che attesti il regime fiscale applicabile.


Assegnazione del contributo
Le domande saranno evase secondo l’ordine cronologico di arrivo e il contributo è erogato, previa verifica dei requisiti previsti e della documentazione richiesta, nei limiti dello stanziamento annuale.

Condividi su Facebook Condividi su LinkedIn Stampa pagina