APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUISITI

 

APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUI (Art. corrente, Pag. 1, Foto immagine titolo)Vuoi aprire un bar, un ristorante, una pizzeria? Allora qui troverai le informazioni che stai cercando. Se coltivi il sogno di metterti in proprio in questo settore, ti spieghiamo quali sono i passi da compiere per aprire un pubblico esercizio.

Non basta, infatti, avere la passione per questo mestiere, per aprire una locale: serve anche possedere determinati requisiti personali e professionali e seguire alcune procedure burocratiche che ora ti spiegheremo.

Prima di tutto, però, vogliamo tranquillizzarti: nel caso avessi qualsiasi difficoltà, o dubbi, sappi che hai la possibilità di farti accompagnare in questo percorso da persone competenti come gli esperti di Confcommercio Vicenza.

E ora rispondiamo alla tua domanda: come si fa ad aprire un bar, un ristorante, una pizzeria e in generale un pubblico esercizio?

 

 

 

 

 

  • I REQUISITI DI LEGGE

Partiamo dai requisiti previsti per legge: la norma prevede che chi vuole aprire un esercizio dove si somministrano alimenti e bevande sia in possesso di requisiti morali e professionali.

I requisiti morali hanno a che fare con eventuali condanne con sentenza passata in giudicato: se sei in questa situazione allora ti conviene informarti, perché non è detto che tu possa aprire un pubblico esercizio.

  • I REQUISITI PROFESSIONALI

APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUI (Art. corrente, Pag. 1, Foto immagine titolo)Vediamo invece ora quali sono i requisiti professionali per aprire un bar, un ristorante, una pizzeria o in generale un locale. Questo lavoro, infatti, implica l’acquisto, la conservazione e la lavorazione di alimenti e dunque è fortemente connesso con la salute dei clienti e per questo non ci si può improvvisare. Da qui la necessità di dimostrare il possesso di un’esperienza precedente, o di essere formato e dunque in grado di garantire salubrità e sicurezza a chi entra nel tuo locale per mangiare e bere.

Sono molte le possibilità di poter dimostrare il possesso dei requisiti professionali, noi ti indichiamo quelle più comuni: aver lavorato per 2 anni (anche non continuativi) negli ultimi 5 in aziende del settore alimentare o della somministrazione come dipendente (dipendente qualificato addetto alla vendita o all’amministrazione o alla preparazione degli alimenti; sono comunque previste limitazioni relative al livello di inquadramento), socio lavoratore o coadiutore familiare; oppure possedere un titolo di studio di scuola media superiore o universitario abilitante (ad esempio “tecnico dei servizi di ristorazione” o “scienze e tecnologie alimentari”); o ancora aver frequentato un corso di abilitazione professionalizzante (ex Rec) come quelli proposti da Esac Formazione, la struttura formativa di Confcommercio Vicenza, e aver poi superato l’esame di abilitazione regionale.

  • DOVE APRIRE IL LOCALE

Se sei in possesso dei requisiti richiesti è il momento di affrontare il capitolo delle autorizzazioni. Prima però ti sarai sicuramente posto la domanda: dove apro il mio bar o ristorante?

Spetta a te decidere dove aprire l’attività, ma tieni conto che la localizzazione è di fondamentale importanza e va valutato attentamente il contesto (presenza di importanti siti lavorativi, zone frequentate da studenti, percorsi turistici, ecc) oltre alla presenza di eventuali limiti o vincoli territoriali da parte del Comune nel caso in cui non subentri in attività già preesistente (vale a dire se apri un nuovo locale).

Ai Comuni è stata data, infatti, la possibilità di programmare dove possono sorgere nuovi pubblici esercizi e dunque di escludere determinate aree. Devi poi verificare che l’immobile abbia i requisiti urbanistici, edilizi e catastali necessari, sia cioè un immobile destinato ad attività commerciale.

  • LE AUTORIZZAZIONI NECESSARIE

APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUI (Art. corrente, Pag. 1, Foto immagine titolo)Ed ora apriamo il capitolo burocrazia: quali autorizzazioni devo ottenere per aprire un bar, una pizzeria, un ristorante?

Se il Comune non ha posto limitazioni, è sufficiente effettuare una comunicazione telematica al Comune stesso, chiamata SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività). La SCIA è un’autodichiarazione del possesso dei requisiti, ma anche del fatto che il locale dove si svolge l’attività è a norma secondo le prescrizioni sanitarie.

E se io subentro ad un’attività già esistente? La SCIA va inviata lo stesso, perché chiaramente la responsabilità delle autodichiarazioni è in capo al nuovo titolare dell’attività.

Prima di inviare la SCIA è essenziale essere certi che il locale dove si svolge l’attività sia in regola con tutte le norme igienico- sanitarie. Infatti il Comune, appena riceve la comunicazione di inizio attività di un pubblico esercizio, è obbligato ad informare il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Azienda Sanitaria Locale competente per territorio.

Ovviamente il Comune e l’Asl non sono gli unici enti che devono essere informati dell’apertura di un’attività: c’è anche la Camera di Commercio, l’Agenzia delle Entrate per l’apertura della partita Iva, in alcuni casi l’Inail per l’assicurazione contro gli infortuni, l’Inps per la previdenza, ecc.

Infine veniamo ad un’altra autorizzazione che è essenziale avere se vuoi aprire un bar, ristorante, pizzeria: la licenza ”fiscale” (chiamata anche “licenza UTF”) per la vendita di bevande alcoliche. Questa autorizzazione va richiesta e viene rilasciata dall’Agenzia delle Dogane della provincia di riferimento.

Una volta effettuate tutte le comunicazioni puoi alzare le saracinesche del tuo bar, ristorante, pizzeria, trattoria? In linea di massima sì, anche se ti consigliamo di fare qualche altra verifica.

Immaginiamo che il tuo locale abbia un'insegna o una targa esterna, magari illuminata da faretti, oppure tu voglia posizionare dell’arredo per abbellire l’esterno, o ancora mettere qualche tavolino all’esterno ampliandoti in un così detto plateatico su area pubblica. In questo caso ti serve un’autorizzazione amministrativa ed è dunque meglio consultare i vari regolamenti in vigore nel tuo Comune (edilizio, di occupazione del suolo pubblico, di arredo e decoro urbano o quant’altro) prima di procedere, presentando le eventuali istanze. Anche radio e televisori eventualmente presenti all’interno vanno regolarizzati tramite specifici abbonamenti RAI e SIAE/SCF.

  • GLI ORARI DA RISPETTARE

APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUI (Art. corrente, Pag. 1, Foto immagine titolo)Ora sei pronto ad aprire? Ti chiederai se hai degli orari da rispettare o dei giorni di apertura e chiusura obbligatoria. La risposta è “no”, perché le varie normative intervenute negli anni hanno liberalizzato orari e giorni di apertura. Però delle restrizioni potrebbero esserci per qualche ordinanza emessa dal Sindaco del Comune e dunque il consiglio è di verificare se ci sono disposizioni in merito per non incorrere in infrazioni. Una volta scelto l’orario, ricordati di comunicarlo al sindaco (già con la SCIA iniziale) e di esporlo con un cartello al pubblico: è un obbligo da rispettare.

Attenzione però: non devi confondere l’orario di apertura al pubblico con quello di somministrazione di bevande alcoliche, perché in questo caso esiste un divieto (dalle ore 3.00 alle 6.00 del mattino) e spesso esistono ulteriori disposizioni restrittive dei Comuni.

Non è invece un obbligo rispettare un turno di chiusura settimanale: puoi cioè rimanere aperto anche 7 giorni su 7.

  • GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI SICUREZZA

APRIRE UN PUBBLICO ESERCIZIO: INFORMAZIONI E REQUI (Art. corrente, Pag. 1, Foto immagine titolo)Non meno importanti sono gli adempimenti in materia di sicurezza. Se hai dipendenti o comunque l’attività è gestita tramite impresa societaria, sarai obbligato alla redazione del DVR (Documento Valutazione Rischi) prima di iniziare l’attività e dovrai sostenere i relativi corsi obbligatori in materia di primo soccorso e antincendio.

Siamo dunque arrivati alla fine della nostra breve guida, con la quale abbiamo voluto accompagnarti all’apertura del tuo bar, ristorante, pizzeria attraverso le normative in vigore. C’è, ovviamente, molto altro dal punto di vista legislativo: norme che regolano l’esposizione dei prezzi e dei menu, l’informazione sugli allergeni, l’installazione degli apparecchi da gioco, l’organizzazione di spettacoli dal vivo… Tutte regole che potrai approfondire con l’aiuto dei funzionari di Confcommercio Vicenza.

 

 

  • BUSINESS PLAN

Va da sé, poi, che non basta essere in regola con norme, comunicazioni e autorizzazioni perché un pubblico esercizio funzioni. Prima ci deve essere un approfondito studio sulle potenzialità di mercato del tuo bar o ristorante. Il consiglio è, infatti, quello di realizzare un completo business plan e valutare non solo quale potrebbe essere l’interesse dei consumatori per il tuo locale, ma anche la concorrenza esistente in zona, la facilità di accesso all’attività, l’appeal della location e in generale tutto ciò che serve per darti le soddisfazioni economiche che vuoi ottenere.

Se vuoi aprire un ristorante, una pizzeria, un bar, un aiuto concreto lo puoi trovare grazie allo Sportello Apri un’Impresa di Confcommercio Vicenza, che potrà aiutarti ad acquisire tutte le conoscenze e le informazioni necessarie, oltre che offrirti una serie di convenzioni in grado di abbattere i costi della tua attività.

Inoltre in Confcommercio Vicenza potrai trovare anche un supporto per reperire i fondi necessari a sostenere le spese di avvio e quelle per il primo periodo di gestione. Grazie al servizio offerto dall’Associazione, tramite Fidi Impresa & Turismo Veneto, potrai ottenere un aiuto nella ricerca della migliore forma di finanziamento, oltre che delle condizioni più favorevoli, sfruttando, nel contempo, eventuali agevolazioni e contributi che possano essere disponibili al momento della richiesta.

Contattataci per un appuntamento, chiamando il tel. 0444 964300 o compilando il form qui sotto.

I campi contrassegnati con ( * ) sono obbligatori.
Scrivi il testo dell'immagine
INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito anche GDPR) La informiamo che i dati personali che la riguardano saranno trattati in aderenza ai principi di liceità, correttezza e trasparenza. I dati personali (sono tali ad esempio: nome/cognome, coordinate di contatto, ecc.) sono raccolti a mezzo sito internet direttamente presso l'interessato. Di seguito forniamo le previste informazioni relative al trattamento.

Finalità e basi giuridiche del trattamento
Il trattamento dei dati personali è finalizzato:

  1. a consentire all’interessato di aderire ad iniziative, partecipare ad incontri/convegni e/o ricevere riscontro ad eventuali richieste di informazioni inviate sia a mezzo posta elettronica che mediante compilazione di apposito form. La base giuridica di predetta finalità si individua nell'esecuzione di misure contrattuali o precontrattuali adottate su richiesta dell'interessato (art. 6.1 lettera b, GDPR).
  2. (previo consenso) ad inviare all’interessato comunicazioni/inviti relativi ad ulteriori iniziative organizzate dai contitolari;
  3. (previo consenso) a ricontattare l’interessato, a mezzo posta, e-mail, o telefono, al fine di formulare proposte commerciali/associative offerte dai contitolari.

Termine di conservazione dei dati
I dati personali trattati per le finalità di cui alla lettera a) sono conservati per un periodo di tempo compatibile con l'instaurazione di un efficiente scambio di richieste/informazioni e/o con la gestione della eventuale partecipazione agli incontri/convegni. I dati trattati, previo consenso, per le finalità di cui ai punti b) e/o c) verranno conservati per un biennio, fermo restando i diritti dell’interessato sotto richiamati ed in particolare il suo diritto a revocare il consenso in ogni momento.

Consenso e facoltatività/obbligatorietà del conferimento.
Il trattamento dei dati per le finalità sopra individuate alla lettera a) non richiede il consenso dell'interessato. Il conferimento dei dati è essenziale ai fini dell'esecuzione delle prestazioni richieste dall'interessato stesso e l’eventuale rifiuto di fornire alcuni di tali dati potrebbe avere per conseguenza l'impossibilità di dar seguito alle richieste se del caso comunque pervenute e/o di accedere agli incontri/convegni. Il trattamento dei dati per le finalità di cui alle lettere b) e c) è subordinato al consenso ma il diniego del consenso non pregiudica in alcun modo le possibilità per l’interessato di aderire ad iniziative e/o partecipare ad incontri/convegni e/o ricevere riscontro ad eventuali richieste di informazioni.

Categorie di destinatari dei dati
I dati raccolti non saranno oggetto di comunicazione a terzi o diffusione.

Trasferimenti dei Dati
I dati personali non sono oggetto di trasferimento in Paesi non appartenenti all'Unione Europea.

Modalità del trattamento
Il trattamento dei dati personali avverrà (anche per il tramite di personale addetto autorizzato/incaricato ed istruito in merito al corretto trattamento dei dati personali dai contitolari) in formato elettronico, comunque con l'osservanza delle misure cautelative della sicurezza e riservatezza dei dati. Sono in ogni caso attuate misure di sicurezza tecniche, informatiche, organizzative, logistiche e procedurali al fine di prevenire la perdita, l'uso illecito o non pertinente dei dati e l'accesso agli stessi senza autorizzazione. Non verranno svolti trattamenti con processi decisionali automatizzati né profilazioni.

Diritti dell'interessato e reclamo avanti al Garante
In ogni momento ciascun interessato potrà esercitare i seguenti diritti:

  • Diritto di ottenere l'accesso ai Suoi dati personali (art. 15 GDPR): potrà contattarci per conoscere se i Suoi dati personali sono oggetto di trattamento ed avrà in tal caso diritto di ottenerne copia ed avere informazioni riguardanti l'origine dei dati, le categorie di dati personali trattate, i destinatari dei dati, le finalità del trattamento, l'esistenza di un processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione, il periodo di conservazione dei dati o i criteri utilizzati per determinarlo.
  • Diritto di rettifica (art.16 GDPR): ottenere la correzione dei Suoi dati personali inesatti o l'integrazione di quelli incompleti;
  • Diritto alla cancellazione/oblio (art.17 GDPR): ottenere la cancellazione dei Suoi dati personali, nelle ipotesi previste dalla legge;
  • Diritto alla limitazione del trattamento (art.18 GDPR): ottenere, nelle ipotesi previste dalla legge (in sintesi: contestazioni sull'esattezza dei dati; trattamento illecito con opposizione dell'interessato alla cancellazione, necessità per l'interessato di esercizio di un diritto in sede giudiziaria; opposizione dell'interessato nel periodo di verifica della prevalenza dei motivi legittimi del titolare rispetto ai Suoi), la limitazione del trattamento dei Suoi dati personali;
  • Diritto alla portabilità (art. 20 GDPR): nelle ipotesi previste dalla legge (trattamento effettuato con mezzi automatizzati e basato sul consenso o su un contratto) diritto a ricevere in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, i dati personali che La riguardano e diritto di trasmettere tali dati a un altro titolare del trattamento senza impedimenti da parte nostra;
  • Diritto di opporsi (art. 21 GDPR): diritto di far cessare ulteriore trattamento dei dati personali per motivi connessi alla Sua situazione particolare, salva prevalenza dei nostri motivi legittimi cogenti, nelle ipotesi previste dalla legge;
  • Diritto di revocare il consenso (art. 7.3 GDPR): diritto di revocare in qualsiasi momento il consenso per i casi in cui il trattamento sia basato sul consenso. La revoca del consenso non pregiudica comunque la liceità del trattamento basato sul consenso prima della revoca.
Per esercitare i diritti suddetti potrà fare riferimento ai contatti del Titolare forniti nella presente informativa. La informiamo, altresì, del Suo diritto a promuovere Reclamo avanti all'Autorità Garante per la protezione dei dati personali competente. Ricordiamo che il reclamo, a norma dell'art. 77.1 GDPR, può comunque essere promosso dall'interessato presso l'Autorità del luogo dove l'interessato risiede abitualmente, dove lavora oppure dove si è verificata la presunta violazione.

Titolare del trattamento
Il trattamento è operato in contitolarità tra "Confcommercio Imprese per l'Italia della provincia di Vicenza" ed "ESAC spa", i quali hanno sede a Vicenza, Via L. Faccio n. 38, e-mail: ascom@ascom.vi.it, telefono 0444-964300. L'interessato potrà far valere in ogni caso i diritti predetti indifferentemente presso uno qualsiasi dei due contitolari, i quali hanno comunque elaborato un accordo interno definendo le rispettive responsabilità in merito all’osservanza delle previsioni del Regolamento 2016/679 nonché l’individuazione di rispettivi compiti e ruoli nell’attività di trattamento dei dati. Il contenuto essenziale dell’accordo interno è a disposizione degli interessati a semplice richiesta da inoltrarsi senza particolari formalità agli uffici dell’Associazione.

Ho preso visione dell'informativa

Con riferimento alle finalità per le quali è richiesto il consenso dell'interessato, il sottoscritto si esprime come segue:

Per l'invio all'interessato di comunicazioni/inviti relativi ad ulteriori iniziative organizzate dai contitolari del trattamento:
dà il consenso nega il consenso
Per il ricontatto dell'interessato, a mezzo posta, e-mail, o telefono, al fine di formulare proposte commerciali/associative offerte dai contitolari del trattamento:
dà il consenso nega il consenso
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico Stampa pagina
-->