venerdì 20 aprile 2012

CONCESSIONARI AUTO CONFCOMMERCIO
BRUNO OLIVIERO È IL NUOVO PRESIDENTE
Riceve il testimone da Gianfranco Bisson. “Settore in piena crisi, anche se nel Vicentino i dati sulle vendite sono leggermente migliori di quelli nazionali”
Comunicato del 20 aprile 2012

Bruno Oliviero è stato eletto presidente dell’Associazione provinciale Concessionari Ufficiali d’Auto della Confcommercio di Vicenza, ovvero delle aziende che nel vicentino commercializzano i marchi di auto, veicoli commerciali e veicoli industriali.
Oliviero, direttore della concessionaria AutoVega, nei giorni scorsi ha ricevuto il testimone da Gianfranco Bisson che è stato presidente per quasi quindici anni. Al suo fianco ci saranno i consiglieri: Massimo Ceccato, Adriano Galvanin, Vittorino Bisson, Elisabetta Giacometti e Alessio Marcante, una squadra di certo affiatata ma che  inizia il nuovo mandato in un periodo difficilissimo per il settore delle vendite di autoveicoli. I dati recentemente diffusi dal Ministero dei Trasporti evidenziano, infatti, un netto calo delle immatricolazioni, con una flessione rispetto a marzo 2011, pari a -26,7%. “Anche se nel Vicentino la situazione è leggermente migliore rispetto all’andamento nazionale – dice il neopresidente – il settore è in piena crisi, con un andamento che via via si aggrava con gli effetti di un’imposizione fiscale che le famiglie  e le imprese italiane non riescono più a sopportare: tra aumento dei carburati, superbollo, imposta provinciale di trascrizione per tutte le immatricolazioni e passaggi di proprietà, assicurazioni auto sempre più care e l’annunciato ulteriore aumento dell'Iva, lo Stato è passato dalla fase degli incentivi per i nuovi veicoli a quella dei disincentivi. Inizio, quindi il mio mandato, in un momento non facile, in cui il problema della stretta creditizia su concessionarie e imprese, ma anche sugli stessi cittadini che ricevono con molte difficoltà i finanziamenti, credo sia quello da affrontare con più urgenza. Soprattutto occorrerà rafforzare i ranghi associativi e fare squadra, facendo sentire a gran voce la nostra richiesta urgente di misure di sviluppo della domanda e provvedimenti per la crescita. Un altro obiettivo è quello di far comprendere al meglio alla clientela, in termini di garanzie, affidabilità e servizio, quello che una concessionaria d’auto ufficiale può offrire in più. Per intenderci, noi non siamo semplici venditori di autoveicoli”.      
Nel frattempo un altro aspetto con cui l’Italia dovrà fare i conti è l’invecchiamento del parco macchine, che significa passi indietro verso la lotta all’inquinamento urbano. “Se si guarda all’Europa occidentale, siamo il Paese dove circolano i veicoli

con più emissioni dannose proprio perché da qualche anno il ricambio delle auto si è fermato. L’usato va più del nuovo e questo fa sì che i veicoli di vecchia generazione continuino a circolare, con tutte le conseguenze che sappiamo sulla qualità dell’aria”.  
Per invertire la tendenza in atto, Federauto, la federazione nazionale a capo di tutte le associazioni provinciali del settore auto di Confcommercio, ha già presentato al Governo Monti alcune proposte, che Oliviero riassume così: “Innanzitutto, modificare le modalità della IPT, attualmente troppo penalizzanti per il settore, attuare un piano per il rinnovo del parco veicoli e di revisione della fiscalità delle auto aziendali. – dice Oliviero, che poi puntualizza -: “Basterebbe, in questo, equipararci agli altri paesi europei e tralasciare quindi, ogni altra ipotesi di inasprimento fiscale. Va bene anche ritornare agli incentivi sulla rottamazione delle vecchie auto – conclude il neopresidente -, ma l’esperienza insegna che, se non si fanno interventi strutturali per il settore, dopo un iniziale risveglio il mercato torna depresso”.      

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su LinkedIn Invia questa pagina ad un amico Stampa pagina